L’Epidemiologo Prof. Franco Berrino: “La dieta Macromediterranea” alla base della longevità.

Macromediterranea

Gioiosa Marea 3 giugno 2017

Chi è il prof. Berrino:
Il dott. Berrino si è laureato in medicina e chirurgia magna cum laude all’università di Torino nel 1969 e specializzatosi in anatomia patologica, si è poi dedicato principalmente all’epidemiologia dei tumori. Dal 1975 lavora all’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano.
Autore di centinaia di pubblicazioni scientifiche, è stato uno dei pochi ricercatori italiani chiamati a collaborare al Food, nutrition, physical activity and the prevention of cancer,pubblicato nel 2007 dal World Cancer Research Fund.

franco-berrino-parere-alimentazione-diete

Abbiamo incontrato il Prof. Franco Berrino all’Agriturismo Santa Margherita in occasione di un breve corso di cucina macrobiotica .
Ci accoglie con tanta cordialità e disponibilità e, sedendosi al nostro tavolo, ci racconta delle sue esperienze professionali e del suo pensiero sui meccanismi che influenzano la qualità della vita.

Inizia facendo riferimento a ciò che l’Agenzia Mondiale della Sanità , nel 2014, raccomanda per la prevenzione dei tumori nella popolazione europea. Tra le tante raccomandazioni sul tabacco, sui vaccini, inquinamento ecc. ci sono raccomandazioni sulla dieta consigliando di basare la propria alimentazione su legumi, verdure e frutta di ogni tipo limitando il consumo di carni rosse evitando le carni conservate evitando le bevande zuccherate, alcool .

d2f588f2-2fb1-46e8-a03f-10bcbfef09c6

Il Prof. Berrino ci fa notare che questo tipo di alimentazione era proprio quella che si usava nel sud Italia.
Si può vivere più a lungo e in salute facendo attenzione al cibo, facendo attività fisica tutti i giorni e anche con la vita spirituale perché, afferma il prof. Barrino – ci sono sempre più dati che con la vita spirituale si possa dare un messaggio agendo sui nostri geni e sul nostro dna –

20170603_215517

Lo scopo, continua l’epidemiologo, è quello di rendere consapevole la gente che non si debba morire di malattia , non è obbligatorio ammalarsi per morire, si può benissimo diventare vecchi senza malattie – Anche se ,oggi, l’aspettativa di vita  supera gli 80 anni ,  siamo in una situazione in cui il 90/100 degli anziani è dipendente da farmaci perché affetto da malattie croniche –

Nino Mirabile

Potrebbe piacerti anche

Brolo – Avviata la procedura di stabilizzazione di 51 precari

Pubblicato sul sito istituzionale del comune di Brolo