Individuati i presunti autori di alcuni furti commessi nelle scuole di Falcone e Oliveri

foto uno

Individuati i presunti autori di alcuni furti commessi a Falcone e Oliveri, tre catanesi arrestati dai Carabinieri. Individuato un appartamento a Furnari, utilizzato dagli arrestati come deposito della refurtiva

All’alba di oggi, i Carabinieri della Compagnia di Barcellona Pozzo di Gotto hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico, emessa dal GIP del Tribunale di Patti (ME), Dott. Eugenio Aliquò, su richiesta della Procura della Repubblica guidata dal Procuratore Capo Angelo Vittorio Cavallo, nei confronti di tre soggetti, due uomini e una donna, tutti originari del catanese, presunti responsabili di plurimi reati di furto aggravato che avrebbero commesso a Falcone in una scuola primaria e ad Oliveri in un’ex scuola media, ora sede di un gruppo scouts, e in rimessaggio barche e attrezzature sportive per windsurf.

Il provvedimento cautelare scaturisce dall’attività investigativa svolta dai Carabinieri della Stazione di Falcone, coordinata dalla Procura della Repubblica di Patti, avviata a seguito di alcune denunce presentate dalle vittime di furti subiti nei Comuni di Oliveri e Falcone, nella notte tra il 4 e il 5 ottobre 2023. Le investigazioni dei militari dell’Arma, sviluppate sulla base delle dichiarazioni rese dai denuncianti e dall’analisi dei filmati estrapolati dai sistemi di videosorveglianza, posti nei luoghi dove si sono verificati i reati, hanno permesso ai Carabinieri di risalire all’identità degli indagati quali presunti autori e, soprattutto, di localizzare un appartamento, situato in località Tonnarella di Furnari, utilizzato dagli indagati come base d’appoggio, laddove i militari hanno trovato e sequestrato una consistente parte di refurtiva, poi restituita ai legittimi proprietari.

Secondo la ricostruzione dei Carabinieri, i tre malviventi, nella notte tra il 4 e il 5 ottobre 2023, a bordo di un’autovettura, hanno dapprima raggiunto la sede di una scuola a Falcone e, dopo aver scavalcato il cancello d’ingresso, approfittando dell’apertura di una finestra lasciata inavvertitamente aperta, si sono introdotti all’interno, asportando successivamente sei notebook per utilizzo didattico. Nella stessa notte, sempre a bordo del medesimo mezzo, hanno raggiunto la sede di un ex scuola media in uso ad un gruppo scouts, sita nel vicino Comune di Oliveri e, dopo aver forzato la porta d’ingresso, riuscivano ad introdursi all’interno e ad asportare una cassetta con attrezzi da lavoro. Sempre ad Oliveri, i tre indagati hanno infine raggiunto un rimessaggio di barche e attrezzature sportive per windsurf e, dopo aver forzato i lucchetti della porta di un locale pertinente, adibito a deposito, hanno asportato ingente attrezzatura, strumenti e motori fuoribordo, per un ragguardevole valore economico.

L’attività odierna testimonia il diuturno impegno della Procura della Repubblica di Patti unitamente ai Carabinieri sul territorio per contrastare il fenomeno dei reati contro il patrimonio. Tale fenomeno è arginabile anche grazie alla collaborazione della cittadinanza invitando a denunciare anche i furti di lieve entità, utili anch’essi all’individuazione dei rei.

Quanto sopra, ai fini dell’esercizio del diritto di cronaca, costituzionalmente garantito e nel rispetto dei diritti degli indagati, che, in considerazione dell’attuale fase delle indagini preliminari, sono da presumersi innocenti fino alla sentenza irrevocabile che ne accerti le responsabilità e con la precisazione che il giudizio, che si svolgerà in contraddittorio con le parti e le difese davanti al giudice terzo ed imparziale, potrà concludersi anche con la prova dell’assenza di ogni forma di responsabilità in capo agli stessi indagati.

Potrebbe piacerti anche

Premiato il gioiosano Gabriele Scaffidi Argentina come miglior giocatore del Girone B della Prima Categoria siciliana

Il gioiosano Gabriele Scaffidi Argentina, è stato premiato