Contrada San Francesco di Gioiosa Marea: un borgo ricco di tradizioni

352747460_1995778744095215_3764919499068658754_n

Contrada San Francesco di Gioiosa Marea, un borgo ricco di tradizioni culturali e folcloriche che si tramandato di generazione in generazione. Queste tradizioni, influenzate dalla storia, dalla geografia, dalla religione e dalla cultura locale sono ancora vive in questo borgo.

La festa patronale della contrada, organizzato dal Comune di Gioiosa Marea con il patrocinio dell’associazione Collina Blu della contrada, è stata caratterizzata dalla processione religiosa, sono state allestiti stand di cibo e artigianato tradizionale, si sono organizzati spettacoli e balli in piazza.
352718405_1995778697428553_1955913740121376341_n
L’esposizione artigianale di pizzi, organizzata da Antonina Spanò, è una tradizione nella contrada,, il pizzo è un’antica forma di artigianato tessile che richiede abilità manuali e precisione. L’esposizione artigianale di pizzi è un’occasione per i pizzaioli (artigiani del pizzo) di mostrare le loro creazioni e per i visitatori di ammirare pizzi fatti a mano.
352706256_1995778800761876_4797541592207319118_n
Durante l’esposizione, i (pizzaioli) hanno allestito stand e mostre in cui sono stati esposti i loro pizzi. Tovaglie, centrotavola, abiti, biancheria da letto e molti altri oggetti decorativi sono stati realizzati con il pizzo. Il lavoro artigianale è stato molto apprezzato contribuendo a valorizzare un’arte antica e preziosa che fa parte del patrimonio culturale del borgo.

A caratterizzare la tradizione artistica della contrada di San Francesco anche l’arte dell’intaglio, dell’artista Marcello Catalfamo, una forma di espressione d’arte, che coinvolge la scultura o la decorazione del legno, per creare figure o disegni .
Non poteva mancare la cucina autoctona che con i maccheroncini , salsiccia e melanzane ha deliziato il palato di tutti, un piatto della cucina siciliana intriso di sapori deliziosi e ingredienti semplici.
352717018_1995790984093991_5163028585754222431_n
Ad intrattenere le tante persone, arrivate dall’hinterland nella contrada, anche “ u giocu di brigghia”, sotto la supervisione del maestro Tindaro Buzzanca, dove la competizione , l’allegria e la tradizione si fondono in un unico leitmotiv.
352784800_1995778740761882_2292881675345371266_n

Potrebbe piacerti anche

Al via la rassegna del Parco archeologico di Tindari

Farà tappa in dieci siti “Il Sorriso degli