Milazzo – Firmato il contratto per l’acquisto dell’ex scalo ferroviario

WhatsApp-Image-2022-09-23-at-14.31.36

L’ex scalo merci della vecchia stazione ferroviaria adesso è ufficialmente del Comune di Milazzo. Nella giornata odierna il dirigente del settore Lavori Pubblici di palazzo dell’Aquila, Domenico Lombardo ha firmato il contratto di acquisto al costo di un milione e 235 mila euro proposto da Ferservizi, società rappresentata dalla dottoressa Anna Maria Giammanco, dirigente responsabile” Zona Sud”.

Completate le procedure burocratiche ora si passa alla fase due che sarà quella di creare un nuovo sviluppo ad un’area strategi-ca che nelle intenzioni dell’Amministrazione deve rappresentare “il punto di svolta per una riorganizzazione della città sia dal punto di vista della viabilità ma anche della vivibi-lità”.

In tal senso lo stesso dirigente Lombardo ha spiegato che nei prossimi giorni sarà lanciato un concorso europeo per raccogliere idee progettuali finalizzate ad attuare un intervento di rigenerazione dell’area utilizzando i fondi dell’agenzia della coesione e territoriale
L’intento è quello di far sì che questa vasta porzione di territorio diventi quella zona di in-terscambio che alla città manca.

E ciò anche nell’ottica della rivoluzione che s’intende portare avanti col progetto di Trasporto pubblico locale. L’obiettivo è realizzare una gran-de area di sosta, non solo di auto, ma anche di bus e altri mezzi, area che sia al servizio della viabilità cittadina, evitando che si continuino ad intasare le strade del centro che in-vece dovrà avere un futuro caratterizzato da una minore presenza di traffico e di maggiore vivibilità per i cittadini. « Ma non solo area di sosta – precisa il sindaco Pippo Midili –.

Pensiamo anche alla realizzazione di un polo culturale con infrastrutture che a Milazzo mancano da sempre, e che siano motivo di richiamo e poi a realizzare anche un grande Parco urbano dove accogliere cittadini e visitatori. Una progettualità a medio termine che è necessaria se vogliamo operare quei cambiamenti che sono sempre richiesti ma che non sono mai stati attuati proprio per l’impossibilità di avere a disposizione delle aree a sup-porto».

Il sindaco ritiene poi l’ex scalo ferroviario strategico anche per la vicinanza alla vecchia stazione ferroviaria e a piazza Marconi. «Anche in questo caso c’è una progettualità mira-ta. Piazza Marconi sarà recuperata con un progetto di restyling tale da trasformarla in un luogo di aggregazione giovanile sull’esempio di diverse città europee, mentre l’immobile che ha ospitato un tempo la stazione, oggi in stato di abbandono, necessita di un interven-to di recupero e di rifunzionalizzazione. Lavoreremo in questa direzione contando di ave-re una progettualità mirata per poi poter accedere a delle risorse che sono previste per questo tipo di interventi».

Potrebbe piacerti anche

Brolo (ME): Si introduce clandestinamente nella proprietà della ex compagna. Arrestato dai Carabinieri

I Carabinieri della Stazione di Brolo hanno arrestato,