L’albergo Puglia: il ricordo, in versi, dell’antropologo Mauro Geraci

L’Albergo Puglia nel settembre 2021, poco prima di morire abbattuto (foto M. Geraci).L’Albergo Puglia nel settembre 2021, poco prima di morire abbattuto (foto M. Geraci).

Gent.ma Dott.ssa Tindara La Galia – Sindaco di Gioiosa Marea, Gent.mo Dott. Teodoro Lamonica – Assessore alla Cultura di Gioiosa Marea, carissimi Amici gioiosani e non.
Sono Mauro Geraci, antropologo, da anni studioso e anche continuatore e interprete dei poeti-cantastorie.

Con grande piacere vi scrivo perché tengo a presentarvi una mia nuova canzone dedicata all’Albergo Puglia di Gioiosa Marea, struttura purtroppo, da qualche mese, non più esistente e che tuttavia, per decenni interi, è stata importante punto di riferimento nell’immaginario non solo architettonico e turistico ma anche spaziale, sentimentale, simbolico di Gioiosa come di altri centri della, oggi ribattezzata, “costa saracena”.

Credo che l’Albergo Puglia, nelle sue alterne vicissitudini tra splendori e decadenze, figuri bene tra i ricordi di moltissimi gioiosani e non, così come tra i miei che, pur essendo palermitano e poi romano, sin da bambino, dal finire degli anni Sessanta, con la famiglia ho avuto modo di conoscere bene Gioiosa Marea cui resto affezionatissimo…

Albergo Puglia vuol essere così un atto d’amore per la storia ideale di Gioiosa, straordinaria per freschezze e ariosità, col desiderio che l’edificio che lo sostituirà sappia allo stesso modo abbracciare Gioiosa e chiunque vi si trovi a passare. Si può ascoltare da questa pagina del mio sito:

https://www.geracicantastorie.it/2021/12/21/albergo-puglia/

Nella speranza d’avervi fatto cosa gradita e di girare la ballata a chi pensiate possa piacere, vi ringrazio di cuore per l’eventuale ascolto e vi invio i miei più cari e affettuosi Auguri di Buon Natale e un Felice, Libero Anno Nuovo. Grazie, grazie
Mauro Geraci

Tu ci sì
e lu mari marusu chissà di quant’anni si vasa cu te;
‘sà quant’è
ca li to finestreddi arridunu janchi cu passa di ddà.
Ti pensu picciriddu
quannu ‘i me nanni lu friscu turchinu pigghiavanu ddà.

Dintra di tia morti non c’è, Albergu Puglia
pinsannu a tia ti vogghiu beni, Albergu Puglia
si squagghia lu suduri e si nni va
tuttu ‘u duluri passa e la realtà
diventa frisca frisca attorno a te
Albergo Puglia stai sempri cu me
di l’universu sì lu Canapè
unni la genti pasci.

Tu sì ddà
quannu partu luntanu ti pensu, ti viju sempri ddà,
sempri ddà
pi sarbari i ricordi e lu suli c’acchiana e poi cala pi ccà
dintra ‘i tia, Albergu Puglia
c’è sarbata la gioia d’u munnu chi gira e chi vota e poi mai si nni va.

Dintra di tia morti non c’è, Albergu Puglia
e nuddu mai t’abbatterà, Albergu Puglia
cu tia non ci nni su’ malidistini
ci sunnu pi cu voli la tò fini,
pi chiddi ca non provanu l’amuri
di li to vrazza aperti pi cui e gghi’è,
e ognunu chi ora passa ‘o Canapè
cu tia nun mori mai.

MAURO GERACI
Professore associato di Antropologia culturale
(abilitato Professore ordinario dal 2017)
Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne
Università degli Studi di Messina

Potrebbe piacerti anche

Gioiosa Marea: interventi di bonifica sul territorio comunale, rimossi rifiuti ingombranti abbandonati

L’Amministrazione Comunale di Gioiosa Marea ha compiuto in