Avviata l’esperienza di soggetti fragili nelle aziende agricole dell’hinterland

Screenshot_20210611-095914_Gmail

“Robert fianco a fianco-Insieme si può” è un progetto forte mente voluto dalla dott.ssa Giuliana Scaffdi e dal dottor Pippo Orlando.
Screenshot_20210611-095743_Gmail
Un connubio perfetto che, insieme a 11 aziende agricole dell’ hinterland, si è riusciti a dare spazio, in maniera concreta a tanti soggetti fragili, inserendoli in un contesto agreste che ha portato risultati di indubbia validità.

Forte la sensibilità e la disponibilità delle tante aziende agricole, le quali hanno messo a disposizione tempo ed i loro spazi esterni, tutto con finalità inclusive. Le attività sono già iniziate da tempo e proseguono a ritmo serrato, fra l’ entusiasmo dei partecipanti e dei tanti che collaborano per dare vita a quello che è un passaggio fondamentale per tutti gli esseri umani, la relazione con l’ altro, vissuta spesso con molte refrattarietà. Ed è attraverso l’ incontro con l’ altro che tutto diventa più facile, vengono così abbattute le barriere e l’ inserimento sociale dei soggetti fragili viene fortemente agevolato. 
Screenshot_20210611-095805_Gmail
Il contatto con la terra, così come il contatto con gli animali, esperienza nuova per taluni, permette di trovare maggiore sinergia con la libertà individuale di cui spesso il soggetto fragile è privato.

Progetti così importanti regalano momenti preziosi, corroborati da una generosa voglia di creare rapporti che mettono in relazione conoscenza e voglia di realizzare. E la soddisfazione nel vedere il prodotto finito.

Potrebbe piacerti anche

Brolo – Inaugurata la prima panchina culturale

Inaugurata nella suggestiva cornice della Villa Comunale di