Giuliana Scaffidi: Il progetto enogastronomico “Il Murgo”

Il piatto del Murgo

Il Murgo,sSimbolo della tradizione e della cultura che abbiamo trasformato in Gusto…Mascherato!
Perché nasce, come nasce e quali sono i propositi.
Nasce perché Gioiosa ha bisogno di Innovarsi e per poterlo fare si avvale di idee che tendono a far e tramutare ” l’assetto statico” in indotto.
E’ un progetto ambizioso, un volano turistico che adempie ad aree di sviluppo.

Giuliana Scaffidi
Dott.ssa Giuliana Scafidi

Il progetto “Il Murgo”, propone un nuovo modello di sviluppo del turismo, in un’area in cui l’agricoltura e la pesca sono state in passato i principali assi economici di sviluppo, mettendo in gioco le particolarità del territorio: il paesaggio, la sua storia e cultura, il suo borgo, le sue aziende e la terra con i suoi prodotti, in modo da creare una CARTA d’Identità.

Gli artigiani del gusto si uniscono alla mia idea in quanto creatrice di questa gamma di prodotti enogastronomici che prendono il nome da un simbolo, purtroppo sin’ora poco diffuso che mai nulla ha portato a Gioiosa, se non l’ingegno di ideare, creare e realizzare questa gamma di prodotti, che molte aziende locali hanno sposato ritengo che le risorse storico-culturali, naturalistiche e socio-economiche presenti sul territorio, abbiano la possibilità di lanciare lo sviluppo dell’economia turistica in un’area che nasce con questa particolare vocazione, ma che ahinoi oggi è una storia penalizzata da poca lungimiranza e poca inventiva, quella che vuole avere concretamente il progetto “ Il Murgo”.
Inventiva.



Per andare avanti, appunto, bisogna innovarsi ed inventarsi, rendendo stuzzichevole quel che abbiamo da offrire.
Sappiamo bene che la gastronomia è l’asse portante, il collante che tiene unito il turismo ed i turisti e quale idea migliore da proporre a quanti desiderano assaggiare un prodotto nuovo, che abbia peculiarità specifiche, uniche, che si possono trovare solo e unicamente a Gioiosa Marea, terra madre di questo progetto? Prodotti nuovi e unici nel proprio genere, che nascono da una scelta settoriale, verificata dall’incremento in termini di promulgazione ,che lo stesso ha portato.

Questo progetto nasce per promuovere la nostra terra, farne terra di sviluppo e chissà magari…anche di lavoro, ovviamente nel tempo. Una terra che la si vuole vedere crescere a costo zero. E cosa fa per questo?
Viene registrato un simbolo e un nome, facendolo diventare Marchio, anche d’impresa, cosa davvero importante. La lungimiranza che apre le porte a quello che Gioiosa è sempre stata, antesignana.

Che cos’è un marchio, che occasioni offre al territorio e al turista?
Un marchio individua una precisa area geografica identificata e accomunata da caratteristiche ambientali, economiche, culturali e sociali che la rendono tipica. Avere un marchio chiamiamola così d’area, significa progettare e realizzare una rete coordinata e integrata di servizi sul territorio, coinvolgendo tutti gli operatori dell’area, promuovendo la collaborazione negli impegni di sviluppo ambientale economico e socio-culturale del territorio, avvicinando gli impegni di sviluppo territoriale con le esigenze di chi ne fruisce (cittadini e turisti).

In particolare l’identificazione di un “Marchio d’Area” è il primo passo per accrescere la capacità di un territorio e competere anche dal punto di vista turistico:
 affermare un’identità territoriale distintiva per vivere e far vivere un’emozione unica ai visitatori
 promuovere e valorizzare il territorio e le tipicità socio-culturali, ambientali ed economiche
 strutturare una rete coordinata e integrata di servizi pubblici e privati auspicando una maggiore condivisione di obiettivi e idee.
 pianificare un’offerta turistica unitaria.
 aumentare il livello di competitività delle imprese esistenti e facilitare la nascita di nuove input turistici.

Il Consorzio Turistico agroalimentare e il portale web
Da questi obiettivi di sviluppo e valorizzazione territoriale deve nascere l’idea di strutturare il portale web, che ambisce a diventare il cuore del progetto e il catalizzatore dell’offerta turistica.
La piattaforma racconta la storia del territorio, le sue tipicità, le attività e gli eventi; propone al turista percorsi tematici che si strutturano intorno alle bellezze e ricchezze del territorio in modo innovativo.

Non mancheranno i classici tematismi come quello religioso, storico-culturale, ambientale ed enogastronomico, ma particolare rilievo deve essere dato al turismo, secondo le peculiarità territoriali.
E’ fondamentale il coinvolgimento del territorio.

Oltre alle Amministrazioni, devono essere coinvolte le imprese, le associazioni, gli operatori del territorio. La promozione del portale inoltre farà leva sul coinvolgimento dei cittadini stessi, raccogliendo suggerimenti preziosi dalle persone che ogni giorno alimentano la vita del territorio e raccogliendo le testimonianze di chi viene ad assaggiare questi prodotti che con le tre caratteristiche particolari, gusto nuovo e mascherato, unico e introvabile e con i colori del simbolo, nero, rosso e bianco porterà con sé uno stuzzicante ricordo.

Anche forma della maschera carnascialesca “ Il Murgo”, da cui prende il nome il mio progetto, che con abilità e astuzia ne ho propagandato facendo conoscere e assaggiare queste delizie, tanto graditi, e la maschera, sconosciuta e anonima sino alla nascita dei prodotti. Questa la CARTA di Identità di Gioiosa Marea, oggi nota.

Giuliana Scaffidi

Potrebbe piacerti anche

Parzialmente soddisfatti l’ispettore del Ministero delle Infrastrutture e i vertici di Autostrade Siciliane

Dopo l’appuntamento di stamane, presso la sede dell’Ispettorato