Gioiosa Marea – I piloti della CST Sport, Caruso e Scaffidi pronti per la 62° Monte Erice

Agostino Scaffidi (CST Sport, Mini Cooper S JCW #219)

Sui tornanti della classica trapanese i piloti della CST Sport saranno impegnati nel weekend del 24 e 25 ottobre per il sesto e penultimo round Tricolore.
Gioiosa Marea (ME) 20 ottobre. Luca Caruso su Osella PA 2000 Honda e Agostino Scaffidi su una MINI Racing Start, malgrado le varie difficoltà che questa complicata stagione ha riservato, non hanno voluto rinunciare al fascino della gara di casa e hanno aderito al cospicuo elenco di iscritti alla 62° edizione della Monte Erice.
Caruso Luca (CST Sport, Osella Pa/2000 #27)

Parteciperanno con ambizioni diverse: Il pilota catanese che riprende il campionato, dopo una pausa dovuta a impegni di lavoro e alla messa a punto della biposto, è ancora in corsa per il titolo della classe E2 SC 2000 e quindi vuole il massimo dalla gara casalinga per potere mettere le mani sul campionato.
“La lontananza dai campi di gara per motivi professionali – ha dichiarato Caruso – ha ulteriormente accresciuto il desiderio di riscatto anche in funzione dei recenti ritocchi fatti sulla mia vettura. A conti fatti sono ancora in gara per un titolo e cercherò di non farmelo scappare”.


Discorso diverso per Agostino Scaffidi che da vero appassionato ha ceduto al fascino Tricolore e sarà presente al via con la scattante vettura inglese assistita da Ac Racing.
“E’ sempre un piacere partecipare alla Monte Erice,- ha dichiarato il pilota di Sant Angelo di Brolo – questa è la mia prima gara dell’anno, farò del mio meglio per farmi trovare pronto e divertirmi anche in questa situazione davvero anomala”.



Per i piloti CST Sport il programma della 62° Monte Erice prevede le verifiche tecniche nella giornata di venerdì 23 con inizio alle ore 14.00. Sabato 24 i due turni di prove ufficiali a partire dalle ore 8.00 e Domenica 25 ottobre, stessa ora di inizio, Gara 1 e a seguire Gara 2

Potrebbe piacerti anche

Gioiosa Marea – Un comitato per l’Opera Pia Asilo Regina Margherita

Dopo la prima protesta, avvenuta lo scorso anno,