Circolo Roma di Gioiosa Marea – Convegno sulla donazione degli organi : “Pina Pintabona e il suo ultimo gesto d’ amore”

20191214_182030

Pina era nata per donare la propria bontà senza chiedere nulla per se. Non risparmiata mai una parola o un gesto che potesse portare sollievo a qualcuno. Lo ha fatto finanche in punto di morte, chiedendo al suo adorato marito, di donare i propri organi a chi ne avesse necessità. Forse un sesto senso la invitava a fare questo ” testamento umano”. Lei che era dedita a Dio, vicina ai sofferenti, regala Amore nel compimento del suo gesto.
Intenso è stato il convegno che si è svolto ieri, 14 dicembre a Gioiosa Marea, presso il Circolo Roma, sulla donazione degli organi, in memoria di Pina Pintabona.
Una platea attenta ed interessata ha ascoltato i relatori e i testimoni, momento di grande trepidazione interiore.
20191214_173637

Il Convegno voluto fortemente dalla dott.ssa Giuliana Scaffidi, presidente dell’ Associazione Onlus ” Uno spiraglio di gioia” attenta a tutte le problematiche sociali, da un decennio a questa parte si occupa degli ultimi e dei vari disagi esistenti nella comunità gioiosana. Pina era una di loro. Era un membro dell’ Associazione e partecipava attivamente a tutte le iniziative che l’ Associazione intraprenderà. L’ ultima, due giorni prima che succedesse il terribile accadimento, partecipò alla manifestazione su Bibbiano, a sostegno di tante aĺtre iniziative.
Tanti i relatori e tanta commozione in sala. Dopo i saluti istituzionali del Sindaco, dottor Ignazio Spano’, la dottor essa Scaffidi fa gli onori di casa ed apre i lavori con una dissertazione che spiega le motivazioni del tema e come giornate come queste, che sono di imponente sensibilizzazione siano importanti, siano fondamentali per capire è sfatare i miti del pregiudizio e dell’ ignoranza, che ci fa entrare in un vortice inadeguato. Per che donare si può e si deve, sparando i miti delle ” tratte degli organi”. Queste paure limitano il percorso dell’ Amore, che tanto può dare.
20191214_173821

La dottoressa Bruna Piazza, Responsabile del Centro Territoriale Trapianti, la quale, a fronte della sua esperienza, molto, molto umana, invita ad abbassare la soglia della paura, che miete inganno.
Il dottor Francesco Pugliatti, Referente Provinciale per i Trapianti di Organi Policlinico di Messina. Il dottor Pugliatti è colui che vive quotidianamente questa realtà. Ampia la sua relazione che tocca i punti salienti della donazione e quanto questa informazione venga fatta.
La dottoressa Giusy La Galia, in doppia veste, di medico e di Assessore alla Sanità parla del percorso gìa avviato e di come l’ Amministrazione si può fare portavoce.
Le testimonianze ovviamente, sono state quelle più attese e ascoltate con attenzione.
20191214_180651

Il dottor Massimo Busco ci racconta di se e della moglie, Rossella Rampulla, deceduta 10 anni fa, la quale, su volontà espressa ha donato i propri organi e la giornata di ieri, nel convegno mattutino a lei dedicata, con le scuole del territorio di Patti, si è discusso del suo grande gesto, informando gli innumerevoli studenti presenti.
Il convegno, organizzato in collaborazione con l’ Aido, e con l’ Associazione Leucemia, presieduta dal dottor Cono Galipo’ a cui vanno i ringraziamenti.
A sua volta il dottor Busco, a cui erano insorte patologie cardiologiche, riceve in dono il cuore, che ha rimesso in vita un uomo a cui la speranza sembrava affievolire sempre di più. Ed è con grande speranza che fa il proprio intervento.
20191214_175134

Marilena Mangano, sorella di Lorena Mangano, morta di un gravissimo incidente, tre anni fa, a Messina, all’ altezza del torrente Trapani. Momenti di dolore e commozione aleggiano fra i presenti.
Letizia Puglisi, mamma di Sara, racconta la sua esperienza. Sara a tre anni, scopre di avere bisogno di un trapianto e l’ odissea si conclude il giorno del suo compleanno, quando una telefonata, che annuncia la possibilità, cambia la vita della bimba e della famiglia, sempre sottoposta a controlli di routine che dicono essere tutto riuscito. Sara oggi ha 15 anni.
Ne è nata una Associazione a Messina, che da sollievo ai tanti che vivono il viaggio della speranza.

Davvero toccante tutto. I figli della dolce Pina comunicano che le persone che hanno beneficiato degli organi della madre sono fra Palermo e Catania. Magari sapranno a breve chi sono e potranno così continuare a vedere il mondo pulito di Pina, attraverso i suoi occhi.
Questi momenti, ricolmi di sensibilità e amore, servono a Unire l’ Umanità che necessita di atti d’ Amore. Come questo.

Potrebbe piacerti anche

Il Comune di Capo d’Orlando approda sull’ App IO, l’app dei servizi pubblici

Il Comune di Capo d’Orlando approda su App