Capo d’Orlando – We Are Drops – Mostra fotografica – Artisti, scienziati, bambini e ragazzi per una nuova consapevolezza ecologica

monica_silva_Narnia-Valley, 2013

Nel 2017, The Alliance Of World Scientists (Aws), 15000 scienziati di 184 Paesi di tutto il mondo, lancia un avvertimento a tutta l’umanità: “Stiamo distruggendo il Pianeta”.
We Are Drops è un movimento promosso da Giuseppe La Spada, artista impegnato e riconosciuto per il suo operato da più di dieci anni sul tema della tutela dell’Acqua e della sostenibilità ambientale, vincitore di un Webby Awards a New York per un’opera ecologista. Obiettivo fondamentale è quello di sensibilizzare le nuove generazioni, attraverso l’arte, la scienza e coinvolgenti sistemi di comunicazione e formazione per ritrovare la giusta ecosofia. Tutti nessuno escluso dobbiamo contribuire anche con piccoli gesti.
unnamed
L’ispirazione nasce da una frase presente in “Nostalghia” film del regista russo Andrej Arsen’evič Tarkovskij:
“UNA GOCCIA PIÙ UNA GOCCIA, NON FA DUE GOCCE, BENSÌ UNA GOCCIA PIÙ GRANDE”
L’arte è molto spesso separata dalle problematiche sociali, la scienza troppo diff icile da interpretare.
Il format del progetto prevede una mostra fotografica collettiva itinerante sul tema dell’acqua, una serie di talk e strumenti didattici per i bambini ripartendo dalla provincia italiana, spesso poco coinvolta in queste iniziative.

Artisti da tutte le parti del mondo espongono insieme ai bambini delle scuole locali per offrire ispirazione e generare amore, stupore
e senso di protezione nei confronti dell’elemento Acqua. Talk appositamente creati per i bambini traducono complessi contenuti scientifici in elementi di facile comprensione, per offrire una corretta alfabetizzazione sulle problematiche ambientali.
La prima edizione si svolgerà allo Spazio Loc di Capo d’Orlando (Me) dal 21 Aprile al 13 Maggio 2018, durante Earth Day Nebrodi Capo d’Orlando organizzato dall’associazione ‘Gentili con la Terra’ e vedrà coinvolti 36 Artisti e più di 200 bambini delle scuole elementari e medie.
Zheru liang_Puri Attimi Creativi dei Viandanti, 2017
Il vernissage avrà luogo 21 Aprile alle ore 18:30 con un talkche, oltre alla presentazione del progetto, si focalizzerà sul problema della Marine Litter dal titolo “Gli Alieni siamo Noi, l’invasione silenziosa della Plastica”, insieme al prof Marco Faimali,responsabile Istituto di Scienze Marine – Genova ISMAR-CNR.

Hanno aderito alla prima edizione: Masahiro Abe (Jap), Niccolò Aiazzi (Ita), Antonello Alagna (Ita), Marina Aletti (Ita), Serena Amalf i (Ita), Andrea Amendolia (Ita), Arrigoni Barbara (Ita), Maria Rebecca Ballestra (Ita), Gianluca Balocco (Ita), Sonja Bohman (Swe), Salvo Bombara (Ita), Benedetta Boveri (Ita), Calembour (Ita), Lorenzo Cassarà (Ita),
Carlotta Cattaneo Carter (Ita), Simone Cento (Ita), Gabriele Corni (Ita), Carmen Decembrino (Ita), Danny Eastwood (Aus), Marco Faimali (Ita), Ginevra Hernandez (Ita), Carmelo Isgrò (Ita), Namiko Kitaura (Jap), Giuseppe La Spada (Ita), Franco Lanf redi (Ita), Zhenru Liang (Chn), Alessandra Lucca (Ita), Salvi Micali (Ita), Maurice Mikkers (Hol), Giorgia Pagani (Ita), Edoardo Romagnoli (Ita), Manami Saku (Jap), Monica Silva (Bra), Marco Siracusano (Ita), Martin Stranka (Cze), Emanuele Vitale (Ita). Le scuole di Capo d’Orlando Comprensorio 1 ‘ Giuseppe Tomasi di Lampedusa’ e Comprensorio 2 ‘ Giovanni Paolo II’.

Masahiro-Abe_Aquarium-Girl,-2016

Note sulle opere esposte
La chiave di lettura per entrare in contatto con l’acqua, fornita da Giuseppe La Spada che è anche curatore della mostra, è davvero molteplice e ha l’obiettivo di creare curiosità e attivare dialoghi su aspetti spesso ignorati o sottovalutati.

Maria Rebecca Ballestra e Niccolò Aiazzi ci mostrano lo stato di salute dei ghiacchiai dell’Antartide e della Patagonia, Edoardo Romagnoli il rapporto magnetico tra Luna e Acqua, lo scenziato Marco Faimali ci propone l’affascinate storia delle uova del Silver Fish, il biologo Carmelo Isgrò ci invita a osservare i piccoli animali filtratori.
C’è chi ci fa sentire il contatto con l’acqua come il fotografo bolognese Gabriele Corni o l’australiano Danny Eastwood. Namiko Kitaura o Manami Saku ci ricondano che il concetto giapponese di Natura È “uno con” e non noi separati o superiori alla Natura stessa.

L’olandese Mikkers fotografa al microscopio le lacrime che restituiscono forme differenti a seconda dalle causa che le ha generate. Il mondo sommerso lo ritroviamo nello scatto dello stesso La Spada, un invito a cercare la purezza delle acque delle origini, e dei fotografi Salvo Bombara, Emanule Vitale e del giapponese Masahiro Abe che con la sua Aquarium Girl prospetta un’ipotesi distopica di una Tokyo ormai senza acqua potabile, in cui una ragazza per sopravvivere è costretta a vivere in un acquario. C’è chi analizza l’aspetto contemplativo dei paesaggi incotaminati o l’impatto di quelli antropizzati come Monica Silva, Carlotta Cattaneo Carter, Franco Lanfredi, Simone Cento, Giorgia Pagani, Marina Aletti, Marco Siracusano, Gianluca Balocco, Carmen Decembrino, Antonello Alagna e Lorenzo Cassarà. L’acqua diventa memoria per Barbara Arrigoni, istante irripetibile per eccellenza per Serena Amalfi e Sonja Bohman, introspezione negli scatti di Benedetta Boveri, Salvi Micali, Andrea Amendolia, Alessandra Lucca, Martin Stranka e Zhenru Liang
fino ad arrivare alle manipolazioni digitali di Ginevra Hernandez e del duo Calembour che ci prospettano nuovi modi e nuove interpretazioni dell’elemento.

Potrebbe piacerti anche

Lipari: viabilità provinciale, il Sindaco Metropolitano Cateno De Luca ha incontrato i Sindaci eoliani per fare il punto sulla situazione

Nel corso della mattinata è stato effettuato un