Operazione “Outsider”- Blitz della guardia di finanza nei confronti di agenzie di scommesse illegali – Perquisizioni e sequestri in diverse province siciliane

17652_IMG_0289

Ragusa, 24 gennaio 2018
Operazione “Outsider”- Blitz della guardia di finanza nei confronti di agenzie di scommesse illegali. Perquisizioni e sequestri nelle province di Ragusa, Agrigento, Catania, Caltanissetta e Salerno.
I finanzieri del Comando Provinciale di Ragusa, collaborati da militari delle Fiamme Gialle delle altre province interessate, hanno eseguito perquisizioni e sequestri delegati dalla Procura della Repubblica di Ragusa in diverse località della Sicilia e della Campania, nei confronti di esercizi commerciali (agenzie di scommesse sportive, bar, sale gioco e biliardo), ed abitazioni private, nell’ambito di una vasta attività di contrasto al fenomeno dell’organizzazione e della raccolta di scommesse illegali.

Al termine di questa prima fase dell’operazione, denominata “Outsider” – fuorigioco, sono state denunciate 15 persone per esercizio abusivo di attività di giochi e scommesse e sono stati sottoposti a sequestro oltre 80 fra computers ed apparecchiature informatiche, denaro contante ed assegni per oltre 113 mila euro. Inoltre, è stata rinvenuta e sequestrata importante documentazione contenente liste di clienti e somme di denaro giocate.

Da un primo speditivo esame della stessa, si evince una significativa movimentazione di denaro raccolto nella attività di scommesse, pari a circa un milione di euro in soli 8 mesi. Le indagini, condotte dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Ragusa, hanno interessato località in diverse province della Sicilia [Porto Empedocle, Naro, Cianciana (AG), Gela (CL), Scordia (CT), Acate e Pedalino (RG), Ragusa città e Cava dè Tirreni (SA)].

Le risultanze investigative ipotizzano a carico degli indagati condotte dirette ad organizzare e raccogliere denaro attraverso agenzie di scommesse sportive a favore di allibratori esteri, non riconosciuti sul territorio nazionale da parte dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato. L’attento lavoro di analisi di tutti i fenomeni osservati sul territorio, anche attraverso la mappatura ed il controllo economico eseguito nell’ambito del servizio di pubblica utilità 117, ha fatto emergere un fenomeno ampio e diffuso, costituito da una rete di imprenditori che presso le diverse agenzie o sale giochi, utilizzando insegne di società di raccolta di scommesse autorizzate in Italia, raccolgono giocate a favore di allibratori esteri, non riconosciuti e non autorizzati ad operare sul territorio nazionale.

Potrebbe piacerti anche

Bronte – 200 mila euro per rifare 11 strade: “Ma rifare l’asfalto costa tantissimo”

BRONTE – (11 febbraio 2020) – I conti