Le erbe dimenticate nella dieta nebroidea

img_9216


img_9225Piante alimurgiche o anche dette fitoalimeurgiche , l’importanza della loro riscoperta nell’odierna dieta alimentare, l’aspetto officinale o curativo di queste erbe, questi gli argomenti trattati nell’incontro  organizzato dall’Associazione “La Spiga” e dall’Agriturismo Santa Margherita dal titolo ” Dire, fare .. mangiare”, verdure selvatiche nella dieta dei Nebrodi.

Condotto dalla giornalista Roberta Fonti e arricchito dagli interventi del Dr. Delfio Bordonaro  Direttore della Federazione Agricoltori Siciliani, dalla Dott.ssa Claudia Miceli Psicologo clinico e da Giuseppe Molica Colella titolare dell’Agriturismo Santa Margherita  ed  esperto di marketing img_9243aziendale, si è tenuto ieri sera presso l’Agriturismo Santa Margherita, un dibattito sulle problematiche correlate alla , ormai dimenticata, dieta alimentare salutare dei nostri nonni  e la possibilità di  poterla reintegrare nella dieta mediterranea di oggi.

Diversamente da quando le erbe spontanee erano fonte di sostentamento, rimedi mediante i quali le popolazioni, ricorrendo all’uso dei prodotti spontanei della terra e principalmente delle img_9246verdure, riuscivano a sfamarsi durante le carestie , oggi diventa importante  non solo ricercare il gusto di una volta, quello naturale, ma anche conoscerne le proprietà officinali ci  rende consapevoli delle potenzialità di queste erbe.

Interessante l’intervento di Giuseppe Molica Colella sull’importanza del far conoscere questa cultura , non solo storica, ma soprattutto gastronomica , organizzando laboratori  del gusto: ” .. sarà ancora più forte la mia volontà di integrare queste erbe nei piatti della mia cucina .. desidero che la gente si riappropri degli  antichi sapori e di una cucina rurale”img_9222

Delfio Bordonaro: ” .. è un patrimonio che va riscoperto, va ristudiato, perchè è anche l’unico cibo e l’unica medicina gratis offerto dalla natura ma bisogna usarlo con le dovute attenzioni nella modalità di consumo in quanto l’eccesso o non conoscere la pianta può comportare effetti spiacevoli, quindi informare e conoscere diventa essenziale…”img_9260

Attento ed altamente esaustivo l’intervento della Dott.ssa Claudia Miceli sull’educazione alimentare dei bambini, sul problema delle scelte del gusto : ” … i laboratori verrebbero fatti non solo con i bambini ma anche con i genitori” , continua: ” .. la formazione del gusto non è un dato acquisito che ci portiamo dietro dal patrimonio genetico ma una variabile che si apprende nel tempo, quindi i bambini vanno educati anche sul gusto e quindi non conviene somministrare cibi sostitutivi.. ”

 

Nino Mirabile

Intervista al Dr. Delfio Bordonaro  Direttore della Federazione Agricoltori Siciliani e l’intervento della Dott.ssa Claudia Miceli Psicologo clinico .

portulacca - purciddana
portulacca – purciddana
costolina - costi divecchia
costolina – costi divecchia
cappero - chiappira
cappero – chiappira
calamintha nepeta -nipitenna
calamintha nepeta -nipitenna

Potrebbe piacerti anche

Messina – FIADEL su mancato pagamenti stipendi lavoratori servizi sociali

Politica e burocrazia tengono in ostaggio i 510