Gioiosa Marea vicina alla gente del Centro Italia colpita dal terremoto del 24 agosto

IMG-20160828-WA0009

La sera del 24 agosto del 2016 , appena dopo il tragico terremoto che sconvolge il territorio del centro Italia, giovani gioiosani , senza esitare , si attivano sul territorio facendo nascere , per l’occasione, un Untitled-1comitato libero di cittadini. Contattano le varie Associazioni , cittadini , l’Amministrazione del Comune di Gioiosa Marea, Protezione Civile , Farmacie ed esercizi commerciali per organizzare, identificare e concretizzare efficacemente la propria solidarietà nei confronti della gente colpita dal terremoto.
Il dispaccio della Protezione Civile profuso dai media riguardo l’unica modalità di aiuto alla gente colpita dal terremoto cioè quella di donare , tramite SMS, non scoraggia il Comitato che contatta il Dipartimento di Catania della Croce Rossa, Medici senza frontiere, e molte organizzazioni governative , riscontrando ancora pareri contrastanti contattano L’ ANVAS  di Torrenova la quale aveva già i suoi volontari sul luogo della calamità, ed è tramite questi volontari che si è potuto sapere cosa era veramente necessario inviare.
20160828_212416-1Daniela Sorbera e Nino Lembo: “ abbiamo così raccolto , beni di prima necessità per i bambini, giocattoli, omogenizzati, pannolini, vestiario e prodotti per l’igiene e cura della persona per i neonati e soggetti allergici, ci siamo fatti dare il dettaglio di quello che a loro serviva, la stessa cosa abbiamo fatto con la Croce Rossa per quanto concerne le medicine .. “

Il Sindaco Dott. Spinella: “ Tutti stiamo contribuendo , sia l’Amministrazione che i cittadini e volontari perché è alta la sensibilità di ognuno “

Un grandissimo riscontro si è avuto per questa iniziativa tanto che la raccolta è raddoppiata rispetto a quella prevista, sarà necessario un altro viaggio.

Nino Mirabile

Untitled-1

IMG-20160828-WA0001
IMG-20160828-WA0011

IMG-20160828-WA0016

Potrebbe piacerti anche

Messina – FIADEL su mancato pagamenti stipendi lavoratori servizi sociali

Politica e burocrazia tengono in ostaggio i 510