Gioiosa Marea – Progetto lavori nella Chiesa San Nicolò – Padre Antonio Sambataro: ‘Un grande passo avanti per la nostra Chiesa Madre’

1192
Padre Antonio Sambataro

Gioiosa Marea, 18 ottobre 2018
Parrocchia San Nicolò di Bari – Gioiosa Marea, presentato il progetto esecutivo per i lavori nella Chiesa San Nicolò di Bari.
Sono passati quasi tre anni da quando il Vescovo di Patti (allora Mons. Ignazio Zambito) mi comunicò la sua decisione di volermi affidare, a seguito delle dimissione del Rev.do Don Salvatore Danzì, la guida pastorale della parrocchia San Nicolò di Bari in Gioiosa Marea. Non nascondo lo sconforto per aver trovato la Chiesa Madre, che conoscevo dai tempi del seminario, chiusa e inagibile già da tanti anni.

Al mio arrivo trovai la chiesa sottoposta a dei primi lavori, grazie a un finanziamento di 100.000 euro concesso dall’Assessorato Regionale dei Beni Culturali, per il rifacimento della volta absidale crollata nel marzo del 2010. La conclusione di tale intervento aveva consentito di mettere in sicurezza la volta crollata, ma non di rendere l’edificio nuovamente agibile a causa di altri danni sopraggiunti con il tempo.

In tutti questi anni i disagi per la popolazione e per lo svolgimento delle varie attività che la parrocchia programma durante l’anno sono state e continuano ad essere tantissime: la celebrazione delle Sante Messe nelle diverse chiese, la difficoltà per alcune persone nello spostamento dal centro per poter partecipare a certuni appuntamenti proposti, l’organizzazione delle processioni (specie il Venerdì Santo) in affanno per il trasferimento continuo delle statue. Cosa dire poi, del legame affettivo e religioso di ogni gioiosano alla Chiesa Parrocchiale, alla Chiesa intitolata al Santo Patrono del paese, San Nicolò di Bari. Un sentirsi smarriti, come ad aver perso un punto di riferimento, insomma un susseguirsi di difficoltà e di dispiaceri per l’intera comunità.

chiesas.nicola

Finalmente, quest’anno grazie a un Bando regionale: DECRETO 3 maggio 2018 (Bando pubblico per la predisposizione di un programma regionale di finanziamento al fine di favorire gli interventi diretti a tutelare l’ambiente e i beni culturali, per la realizzazione di infrastrutture per l’accrescimento dei livelli di sicurezza, per il risanamento dei centri storici e la prevenzione del rischio idrogeologico, a valere sulle risorse FSC, nei comuni della Regione Siciliana), si è finalmente aperta la tanto attesa e sperata possibilità di poter risistemare il prezioso tempio dedicato a San Nicola di Bari.

In questi pochi anni della mia permanenza a Gioiosa Marea ho cercato di valutare tanti possibili modi per risistemare e poter riaprire la Chiesa, ma ogni tentativo non è mai andato a buon fine poiché la somma necessaria per i lavori non è di facile reperibilità.

Con la pubblicazione del sopracitato Decreto, preso da buona speranza, seguendo le indicazioni forniti dal Bando, insieme all’attuale amministrazione Comunale, abbiamo presentato il progetto esecutivo relativo ai lavori di risanamento conservativo, ristrutturazione, miglioramento statico ed abbattimento delle barriere architettoniche dell’edificio religioso. Il progetto, che prevede un importo complessivo di 1.249.850 euro, è stato redatto dall’architetto Giovanni Claudio Vento, quale capogruppo mandatario, insieme all’architetto Irene Calabria e all’ingegnere Basilio Cardaci, in qualità invece di mandanti.

L’approvazione degli elaborati progettuali da parte della Regione Siciliana fa seguito ai pareri favorevoli sulla tipologia degli interventi da effettuare espressi rispettivamente dalla Soprintendenza ai Beni culturali ed ambientali e dall’Ufficio del Genio civile di Messina, oltreché dall’Ufficio tecnico amministrativo della Diocesi di Patti – Curia Vescovile.

Fatto questo passo che, dopo tanta attesa, è davvero un passo da gigante, aspettiamo con fiducia, pregando il nostro Patrono San Nicola, che il progetto venga accolto e finanziato affinché Gioiosa possa tornare a celebrare nella sua tanto amata Madre Chiesa.

Don Antonio Sambataro

Potrebbe piacerti anche

Messina – I Carabinieri del Comando Interregionale “Culqualber” ricordano le vittime di Nassiriya

Oggi 12 novembre ricorre il quindicesimo anniversario della