San Giorgio di Gioiosa Marea – Festa dell’Auser – Si conclude la tre giorni con il convegno su “Il turismo azzurro “

404
38831472_1305554832914106_837313160074493952_n

Ricco programma per la Festa dell’Auser che si è svolta, dal 3 al 5 agosto, all’arena di San Giorgio di Gioiosa Marea. In particolare, nell’ambito della tre giorni, in Piazza Tonnara, un momento importante è stato quello dedicato al convegno dal titolo “Il turismo azzurro – azioni di diversificazioni della pesca artigianale e il ruolo degli antichi opifici (tonnare)”, sulla salvaguardia della memoria e della storia delle antiche Tonnare come quella di San Giorgio di Gioiosa Marea.

La tematica è rilevante per il piccolo borgo a forte vocazione marinara e, per tale ragione, l’Auser di Gioiosa Marea, presieduta da Franca Sidoti, ha voluto dedicare uno spazio all’argomento all’interno della 4^ Festa dell’Auser.
Il convegno è stato coordinato da Teodoro Lamonica e ha visto la partecipazione di importanti relatori noti a livello regionale. Presenti anche il sindaco di Gioiosa Marea, Ignazio Spanò, e numerosi abitanti del borgo.

Durante la serata sono intervenuti il coordinatore del registro identitario della pesca mediterranea e dei borghi marinari Mimmo Targia, Nino Accetta, Giuseppe Lo Bianco, Ciccio Zizzo, Antonella Donato e Dino Pisciotta, che hanno alternato proposte di sviluppo locale ed esperienze di musei marinari e pesca turismo in Sicilia, ponendoli come esempi di ripartenza per il piccolo borgo di San Giorgio e la sua Tonnara.
38698917_1305580432911546_6263950591349751808_n
Il tutto si è concluso con l’impegno di ritornare sul tema con un approfondimento nel mese di settembre, di mettere in campo tutte le iniziative necessarie per la salvaguardia della memoria, di restaurare l’ultimo palascarmo ed utilizzare la struttura della Tonnara per farla diventare un elemento attrattivo per il rilancio dell’immagine di San Giorgio di Gioiosa Marea.

Potrebbe piacerti anche

Riolo-Floris su Subaru con CST Sport al XXX Rallye Elba Storico

Il pilota di Cerda ritrova l’amico navigatore elbano