San Giorgio di Gioiosa Marea – Un Monumento ad Anna Rita lo “Scricciolo d’oro”

1661
Senza titolo 2

Gioiosa Marea 22-07-2018
– Lo sport mi ha insegnato a non mollare mai, a credere che la sconfitta non è definitiva sino a quando tu non ti arrendi – Anna Rita Sidoti
Ancora un altro meritato tributo alla Campionessa Mondiale di marcia Anna Rita Sidoti.
Dopo l’intitolazione del lungomare di San Giorgio ad Anna Rita avvenuta il 27 giugno del 2016, con la posa della targa in sua memoria alla presenza dell’allora Sindaco Eduardo Spinella , dell’allora Presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci e del rappresentante della
613793fc-0a94-4cd3-9a09-6dfcd2e7ca03

Prefettura, Valerio De Joannon, ieri, alla presenza del  Sindaco, Ignazio Spanò, di Vincenzo Parrinello , Vice Presidente Federazione Italiana Atletica Leggera e Commissario straordinario per la Sicilia, di Vice Presidente Vicario FIDAL, dell’Assessore regionale agli enti locali Bernadette Grasso, i cittadini di San Giorgio e di Gioiosa Marea hanno , ancora una volta, suggellato con la posa del monumento dedicato alla Campionessa , il loro legame indissolubile con Anna Rita, donna e grande professionista.
4d142f6d-774f-4b21-9ba7-406f014c782e

Indimenticabile, esempio di tenacia e dedizione, Anna Rita lo “Scricciolo d’oro”, ha lasciato una memoria di se come i più grandi atleti di tutti i tempi collezionando medaglie d’oro da Spalato nel 1990 a Budapest nel 1998, ai mondiali di Atene del 1997.
L’Associazione “SangiorGiocando…una marcia in più” , associazione che si occupa del tener vivo anche il ricordo di Anna attraverso le sue attività ludico-sportive dedicate ai piccoli, quest’anno apre l’evento con la sua terza edizione con le discipline: tiro alla fune, lancio del vortex, velocità.

Il Prof. Coletta suo allenatore – E’ una grandissima emozione vedere la posa della statua di Anna Rita, vuol dire che, passando da San Giorgio, avremo un motivo in più per ricordarla –





Potrebbe piacerti anche

Gioiosa Marea – Al Circolo Roma , “La prima guerra mondiale e l’Italia 100 anni dopo 1918-2018″

Sono cento gli anni che ci separano dalla