Aeroporto di Catania – Sequestrati articoli illegali in pelle di coccodrillo provenienti dal Madagascar

82
gdf

Catania, 02 dicembre 2017
Nel corso dei servizi di vigilanza doganale svolti quotidianamente all’aeroporto di Fontanarossa, i Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania e il personale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, hanno sequestrato, nei confronti di una cittadina del Madagascar, 26 prodotti illegali realizzati con pelle di coccodrillo, specie protetta.
Il bagaglio da stiva della donna, residente in Italia e che stava rientrando in aereo da un periodo di vacanze nel suo paese di origine, è stato selezionato a seguito di un’analisi di rischio condotta sui passeggeri dei voli in arrivo nell’aeroporto etneo con transito da altre aerostazioni europee (nel caso di specie Parigi e Milano Malpensa).

La passeggera è stata fermata dalle Fiamme Gialle e dai funzionari doganali subito dopo che aveva ritirato la propria valigia dal nastro trasportatore. A seguito dell’ispezione del bagaglio sono stati rinvenute 18 cinture, 1 borsa, 3 borsellini da donna e 4 portadocumenti tutti realizzati in pelle animale appartenente alla classe Crocodylidae (coccodrillo), specie protetta e inclusa nell’appendice B del Reg. CE nr. 338/1997 (Convenzione di Washington – C.I.T.E.S.).
Tale Convenzione internazionale prevede che alcune specie di animali e flora “protetti” nonché i loro derivati (quindi accessori e parti di abbigliamento) possano essere commercializzati solo siano accompagnati da una specifica documentazione che ne legittimi la detenzione e attesti la “legale” origine. Poiché la donna non aveva alcuna autorizzazione c.d. “C.I.T.E.S.”, è stato eseguito il sequestro della merce – di ottima fattura e il cui valore sul mercato poteva fruttarle oltre 8.000 euro – e contestato alla passeggera la violazione dell’art. 2 comma 3 della Legge 150/1992 che prevede l’irrogazione di una sanzione amministrativa (da un minimo di euro 3.000 a un massimo di euro 15.000) nonché la confisca degli esemplari protetti illecitamente introdotti nel territorio italiano.

Potrebbe piacerti anche

Tratto in salvo escursionista precipitato nella “grotta dei tre livelli” sull’Etna

Nella mattinata odierna i militari del Soccorso Alpino