Atmosfera settecentesca al Monastero di Jujusa Guardia

IMG_6729

IMG_6710Diverse scuole del comprensorio oggi si sono date appuntamento a Gioiosa Marea per la seconda fase del progetto “Gioiosa Guardia – Storia,Identità e Cultura” promosso dall’AFEIP  di Gliaca di Piraino. Le classi visitano l’Antiquarium di Gioiosa Marea dove i reperti esposti documentano tutte le fasi di vita dell’abitato, da quella protostorica, con reperti databili tra il Bronzo finale e l’età del Ferro a quella greca, con oggetti che costituivano l’arredo domestico di alcune delle abitazioni più compiutamente esplorate e il corredo di alcune sepolture, si va poIMG_6716i al Museo diocesano di arte sacra e la chiesa Santa Maria delle Grazie  dove Alessio Zodda presenta , per l’occasione, opere significative dei periodi più importanti della storia religiosa e civile della cittadina di oggi e di ieri, Gioiosa Marea e Gioiosa Guardia. Le testimonianze artistiche vanno dal XVII al XX secolo, e, tra di esse, si trovano pregevoli paramenti, tra cui piviali, tunicelle e pianete ricamati con fili d’oro e di seta.

IMG_6731Gli studenti ripartono per Gioiosa Guardia, un insediamento protostorico  individuato negli anni ottanta su un terrazzo delle pendici orientali del Monte Meliuso, insediamento nato attorno al palazzo del giustiziere del Regno Vinciguerra d’Aragona poi abbandonato dopo che la città venne colpita dall’ultimo teremoto del 1783.

IMG_6729

Atmosfera settecentesca al Monastero di Jujusa Guardia, gli studenti sono accolti da comparse in costume storico  tipico  dell’epoca , balli e canti di quella città che fu Jujusa, per qualche momento ci si immerge totalmente nel quotidiano dei contadini di quell’epoca mentre giù sotto il Monte Meliuso si vede il mare .

Questo progetto voluto fortemente e , nonostante difficoltà burocratiche, realizzato dall’AFEIP di Gliaca di Piraino con il suo Presidente Ing. Rosario Enzo Mollica e la coordinatrice Dott.ssa Rosalba Mollica , dall’Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, dal Dipartimento dei Beni Culturali, dalla Soprintendenza BB.CC.AA Messina e dalla Regione Sicilia può sicuramente annoverarsi tra i sussidi didattici più validi nell’insegnamento della Cultura Siciliana e della nostra Identità.

IMG_6729 IMG_6726 IMG_6725 IMG_6722 IMG_6719 IMG_6707 IMG_6706 IMG_6705 IMG_6704

IMG_6712IMG_6715IMG_6720

Potrebbe piacerti anche

Santa Teresa di Riva – Giovedi’ 25 aprile via alla prima edizione dello Street Food di primavera

È previsto giovedì 25 aprile alle ore 11,00