Gioiosa Marea: Catello frazione dimenticata dal meteo e dagli uomini

SDC10265

SDC19766Gioiosa Marea: come prevenire l’emergenza se l’isolamento rende impossibile allontanarsi da abitazioni e terreni? E’ il caso della frazione Catello, priva di una strada percorribile, abbandonata e isolata ormai da anni. Una frazione ridente e prosperosa in uno stato di pietoso abbandono
Gioiosa Marea (Me), 15 ottobre 2015 – A Gioiosa Marea oggi è allerta meteo. Il Sindaco, a seguito dell’allerta diramata dalla Protezione Civile, ha disposto la chiusura delle scuole, raccomandando di consultare il vademecum di protezione civile e di “non scendere in cantine, seminterrati o garage ”. Comprensibilmente, per brevità e sintesi, non fa riferimento ad altri accorgimenti in grado di prevenire e/o non mettere in pericolo le persone e le cose. Per gli abitanti delle contrade – ad esempio – è obbligatoria la manutenzione dei terreni di proprietà, ma altrettanto obbligatori sarebbero i controlli su convogliamento e regimazione idraulica delle acque meteoriche; la sicurezza delle persone immobilizzate da malattie; la segnalazione di persone non deambulanti e/o anziane prive di assistenza o sole.
La permanenza in prossimità di corsi d’acqua, zone franose o a rischio smottamenti, caduta massi, possibili allagamenti, etc. sarebbero situazioni e condizioni da monitorare e prevenire. Ma come fare della prevenzione un’opportunità, un vantaggio, un dovere, se isolamento e impossibilità di accedere o allontanarsi da abitazioni e terreni ubicati nelle campagne e nelle frazioni può risultare ardimentoso o proibitivo?
E’ il caso della frazione Catello, frazione del Comune di Gioiosa Marea priva di una strada percorribile che consenta agli abitanti e ai proprietari di raggiungerla o di scappare in caso di pericolo, di raggiungere il paese o il Pronto Soccorso. Una frazione ridente e prosperosa in uno stato pietoso di abbandono, dove è impossibile raggiungere le abitazioni e i terreni coltivabili, dando luogo a pericoli nella stagione degli incendi, e ad altri in caso di emergenza.SDC10384
Catello è divenuta ormai una discarica a cielo aperto: sono almeno due i sequestri operati da Carabinieri, Polizia Municipale e Guardia Forestale negli ultimi anni, per le enormi quantità di amianto e rifiuti speciali là scaricate nei canaloni naturali di scolo delle acque piovane: asfalto in guaina, mobili dismessi, sterro edilizio, cucine a gas, bombole di gas, sanitari da bagno e wc, etc. Come se Catello facesse parte di una realtà a sé stante, una contrada reietta e immeritevole di qualunque attenzione. Catello, versa così in uno stato pietoso di abbandono, con una strada sterrata e pericolosamente scoscesa, piena di profonde buche e fenditure, segnata da preoccupanti fratture del terreno e cosparsa di massi che ne rendono praticamente impossibile l’attraversamento. Qua provvedere ai lavori dei campi è divenuto proibitivo, determinando l’abbandono dei fondi. Disperato sarebbe salvare vite umane in caso di allerta meteo o di emergenza. La strada che porta a Catello rimane una trazzera dimenticata, mai asfaltata e mai curata, dimenticata dagli uomini (strafottenti) ma non da Dio, che qua ha destinato un territorio bellissimo, panoramico e rigoglioso. Sulla ‘cattiva strada’.

Domenico Molica Colella

SDC10265 SDC10256 SDC10253

 

Potrebbe piacerti anche

Gioiosa Marea – L’Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente approva l’elenco degli “Interventi di messa in sicurezza del territorio a rischio erosione”

Con decreto N° 283 del 18/04/2019 è stato